Venuto al mondo

venuto al mondo il poster italiano“Gli amori più assurdi sono i migliori!!”

“Venuto al mondo nella prima settimana di programmazione ha incassato quasi un milione e mezzo di euro, piazzandosi al terzo posto del box office italiano; e segna la seconda collaborazione tra la Cruz e Castellitto, a otto anni di distanza dal fortunato “Non ti muovere”.

 

 

Così come “Non ti muovere”, anche “Venuto al mondo“, è tratto dall’omonimo romanzo della scrittrice italiana (nata a Dublino) Margaret Mazzantini, nonché mogli di Sergio Castellitto.

Sergio Castellitto oltre ad essere il regista, partecipa al film anche come attore, in una parte sicuramente marginale rispetto al Timoteo di “Non ti muovere”; questa volta il vero protagonista del film, insieme alla Cruz, è un bravissimo Emile Hirsch, che ritorna a vestire i panni di un “Hippy”, come era successo nella celebre pellicola di Sean Penn, “Into the Wild”.

Un ruolo assolutamente importante nel film, lo ha anche Pietro Castellitto (figlio di Sergio) che interpreta il figlio della Cruz.

Il film si apre con Penelope Cruz, cinquantenne, che riceve l’invito, da un suo vecchio amico, Gojko, a ritornare a Sarajevo, con il figlio, per una mostra fotografica, in una delle quali è ritratto Diego, l’amore di Gemma (Penelope Cruz), un fotografo conosciuto a Sarajevo a inizio anni ottanta, nonché padre di Pietro, morto ormai da anni.

venuto al mondoVenuto al mondo 11031

In una serie di flashback il film narra la storia d’amore, e di passione, tra Gemma e Diego, che dopo una serie di tentativi e aborti, scoprono che Gemma è sterile.

E quel desiderio di maternità che per Gemma significava, “un lucchetto di carne che la legava al marito”, diviene il terremoto che allontana Gemma da Diego.

Fa da sfondo alla drammatica storia d’amore, un altro dramma, la guerra in Bosnia con l’assedio di Sarajevo, resa, giustamente, in maniera cruda e forte da Castellitto.

Perfetta anche la scelta delle canzoni che accompagnano il film, dalla spensieratezza di “I wanna marry you” di Bruce Spingsteen a inizio film, alla voce sofferta di Kurt Cobain in “Somthing in the way” che rende ancor di più dolorose le scene di guerra.

Il dolore, la guerra, la speranza e l’amore questo è “Venuto al mondo“, un film a tutto tondo, che ci mette d’avanti alla crudeltà del tempo, perché non è vero che il tempo guarisce ogni cosa, certe ferite, certi ricordi e certi sentimenti totalizzanti, non svaniscono, non sbiadiscono, ma restano lì dentro di noi, con la nitidezza come di un qualcosa vissuta qualche ora prima, come un album di fotografie che sfogliamo in continuazione nella nostra testa.

Carmen Sassanelli

Il film “Venuto al mondo”

 venuto al mondo

  • Regia: Sergio Castellitto
  • Interpreti: Penelope Cruz, Emile Hirsch e Pietro Castellitto
  • Data di uscita: 8 novembre 2012
  • Durata: 127 minuti