Trilogia Millenium

millennium

“Tu sapevi che non andava qualcosa ma sei tornato in questa casa. Ti ho obbligato? Trascinato? No, non ho fatto altro che offrirti un drink. È assurdo pensare che la paura di offendere sia più forte della paura di soffrire. Assurdo o no è così”

In attesa di vedere cosa ci preserva questo 2013, cinematograficamente parlando, è giusto tirare le somme dell’anno appena passato.

Un film, “The Artist”, muto e in bianco e nero ha trionfato agli oscar; si è conclusa la saga di “Twilight”; l’ultimo James Bond, “Skyfall”, ha superato ogni record, incassando più di un miliardo di dollari; si è conclusa la trilogia del Batman di Nolan; e purtroppo per noi, è stato un anno che ha sorriso ben poco alle produzioni italiane.

E se tante saghe, nel 2012, si sono concluse, ce ne è una che è iniziata, la trilogia Millenium tratta dai romanzi polizieschi di Stieg Larsson: “millenium trilogy”“millenium trilogy” composta per l’appunto da tre romanzi:”Uomini che odiano ledonne”, “La ragazza che giocava col fuoco” e “La regina dei castelli di carta”.

Dalla trilogia di “Millenium, è stata già fatta una trasposizione cinematografica, di produzione svedese, uscita nel 2009.

Gli interpreti erano, Michael Nyqvist, attore svedese, conosciuto in patria, ma praticamente sconosciuto nel resto del mondo, e Noomi Rapace, anche lei svedese, ma decisamente più conosciuta a livello mondiale, interprete, tra l’altro, di:”Sherlock Holmes:gioco di ombre” e del recente “Prometheus” di Ridley Scott.

milleniummillenium

Uomini che odiano le donne”, invece, primo capitolo della trilogia, del secondo adattamento cinematografico made in U.S.A, ha come protagonisti, Daniel Craig e Rooney Mara.

Il regista della pellicola è, David Fincher, vincitore di un Golden Globe nel 2011 per aver diretto, “The Social Network”; e regista tra l’altro di altri film di successo divenuti dei cult, come:”Seven”, “Fight Club”, “Zodiac” e “Il curioso caso di Benjamin Button”.

Partecipa al film anche, Christopher Plummer, attore ottantatreenne, vincitore nel 2012 dell’oscar come migliore attore non protagonista nel film, “Beginners”, in cui interpreta un padre malato che si scopre gay.

Mikael Blomkvist (Daniel Craig ) è un giornalista della rivista “Millenium”, che viene chiamato da Henrik Vanger (Christopher Plummer), ex magnate delle industrie Vanger, per indagare sulla scomparsa, avvenuta quarant’anni prima, dell’amata nipote Harriet.

Aiuterà Mikael Blomkvist, nelle indagini, Lisbeth Salander (Rooney Mara) un hacker dal passato difficile, una punk, asociale, tutta tatuaggi e piercing.

Mikael e Lisbeth scopriranno che la scomparsa di Harriet è riconducibile altre serie di omicidi, avvenute fra gli anni quaranta e sessanta e che il possibile serial killer faccia parte proprio della famiglia Vanger.

Chapeau alle interpretazioni di Daniel Craig e Rooney Mara; quest’ultima è stata, per questa interpretazione, nominata all’oscar come migliore attrice protagonista.

Uomini che odiano le donne”, il primo film della trilogia Millenium, è un bellissimo thriller, fatto di tensione, suspance, con scene forti, come quella dello stupro di Lisbeth.

Un film assolutamente perfetto per gli amanti del genere, ma un bel film è tale a prescindere dal suo genere, quindi è adatto, e consigliato, anche per coloro che semplicemente, vogliono passare una serata in compagnia di amici e di un film…..Buona visione!!

 

Carmen Sassanelli

 

Trilogia Millenium

Uomini che odiano le donne

uomini che odiano le donne 

Titolo originale: The girl with the dragon tattoo

 

Regia: David Fincher

Interpreti: Daniel Craig, Rooney Mara e Christopher Plummer

Durata: 160 minuti

Data di uscita: 3 febbraio 2012