The tree of life, Brad Pitt e Sean Pean in un film che fa discutere

the tree oflife“Aiutatevi tra voi, amate tutti, ogni foglia, ogni raggio di luce… perdonate”

The tree of life è un film che porta come titolo un passo della genesi, che inizia con una canzone (Lacrimosa) di Mozart e che è diretto da Terrence Malick, che si distingue per aver messo le sue sapienti mani solo su lavori di eccellente qualità, non può essere un film banale o comune.

The tree of life” è senz’altro uno di quei film che ami o odi. E lo ami se hai una vita piena di domande, se ti chiedi quale sia il senso di tutto, quale sia, soprattutto, il senso della sofferenza, delle tribolazioni inflitte al giusto.

 

The tree of life si apre con i versetti da 4 a 7 del cap. 38 del libro di Giobbe, il capolavoro della letteratura sapienziale di Isreale, che è anche un capolavoro in assoluto della letteratura universale, poiché è incardinato sull’eterno problema del dolore dell’innocente.

La trama ripercorre le vicende della famiglia O’Brian, nel Texas degli anni Cinquanta, viste a ritroso dal figlio maggiore Jack (Sean Penn), cresciuto tra una madre tenera e affettuosa (una Jessica Chastain, inteprete di The Helplanciata nell’olimpo delle dive proprio da questa sentita e inappuntabile interpretazione) e un padre autoritario e severo (un Brad Pitt sempre più bravo). La tragedia è dietro l’angolo e diviene lo spunto, per Jack, per una riflessione sulla sua vita, sul rapporto sempre conflittuale con il padre e più in generale sullo scopo ultimo dell’esistenza.

 

the tree of life foto dal film 06 hunter mccracken brad pitt jessica chastain midthe tree of life brad pitt 650x435

Tutti i sapienti riferimenti ai misteri del creato e della creazione, tutte le immagini sulla stupefacente bellezza della natura, apparentemente sconnesse dalla trama, sono l’acuto richiamo di Malick all’essere umano in quanto creatura immersa in una fitta rete di mistero, che non sfugge alla sapienza e onnipotenza di Dio creatore. Con la stessa figura del padre, Il sig. O’Brian (Brad Pitt), uomo ricco e stimato, intransigente e, a tratti, quasi spietato nell’educazione dei figli, il regista vuol porre l’accento sulla giustificazione della sofferenza, che diviene correzione divina, pedagogia della conversione, misura preventiva contro l’orgoglio umano.

the tree of life brad pittthe tree of life 06

 

La colonna sonoradi The tree of life, come ho detto, è affidata alla magnificente eloquenza delle note di Mozart, che accompagnano le altrettanto superbe immagini della creazione del mondo e di scenari naturali sublimi, con le quali il regista sembra voler dire che Dio è ovunque, si sa, ma di sicuro percepiamo meglio la Sua presenza laddove le Sue opere si manifestano grandiose ai nostri occhi.

the tree of life10 dvd largeimmagine the tree of life 19676

InsommaThe tree of life è un film sull’accettazione del mistero della propria vita, affidandolo al mistero di Dio che lo ingloba e che si rivela sempre un mistero di salvezza.

The tree of life ha diviso i pareri di critici e pubblico, tanto quanto Mosè separò le acque del Mar Rosso, per restare in tema biblico; c’è chi lo trova una magnifica opera d’arte, chi un rimedio soporifero e pure lassativo. Un mio parere? Un film condotto con straordinaria maestria, dalla bellezza ultraterrena, prodigioso, oserei dire definitivo. Vedetelo! Non so presagire quale sarà la vostra impressione a riguardo, se lo amerete o lo detesterete, ma una cosa sola posso dirvi con assoluta certezza: non lo dimenticherete mai. Un film così, che sia indigesto o adorato, che via abbia fatto l’effetto di un pugno nello stomaco o al contrario vi abbia lasciato indifferenti, non si scorda mai, tanto quanto il primo bacio…o il primo clistere. Fate voi.

 

Carmen Sassanelli

 

 The tree of life

 

the tree of lifeGenere: drammatico

Data di uscita: maggio 2011

Durata: 140 min

Interpreti: Brad Pitt, Sean Penn, Jessica Chastain

Regia: Terrence Malick