The Help alla notte degli oscar 2012

the help01“A volte il coraggio salta una generazione, e tu lo hai riportato nella nostra famiglia…”

Un caloroso saluto e un bacio megagalattico alle super glamour lettrici di PENSOROSA.

Mancano pochi giorni e ci sarà la notte degli oscar, che come al solito farà più parlare per i vestiti sfoggiati sul red carpet, da meringa o da uovo di pasqua con apposito fiocco, che non dei vincitori.

 

Quest’anno, finalmente, vincerà un film d’autore perché i film che si contendono l’ambita statuetta sono veramente dei gioiellini, veri tocchi di raffinatezza, che lasciano il segno anche nella loro estrema semplicità, da The Artist a Hugo Cabret passando per molti altri piccoli e grandi capolavori.

La pellicola che vi propongo questa settimana, è “The help”, un film davvero delizioso che non mancherà di darvi quella altalena di emozioni che raramente un film riesce a dare.

Il cast è composto interamente da donne (e che donne!), e le poche figure maschili passano inosservate, non male visto che ci considerano il sesso debole.

The help” ha ottenuto 4 candidature ai premi oscar, oltre a miglior film sono state candidate le tre attrici: Viola Davis (migliore attrice protagonista), Octavia Spencer (migliore attrice non protagonista) e Jessica Chastain (miglior attrice non protagonista).

Per i più questi nomi non dicono niente ma queste formidabili attrici sono dei pezzi da 90, basti pensare che Viola Davis è stata già nominata agli oscar nel 2010 per “Doubt” nella categoria miglior attrice non protagonista; Jessica Chastain è stata, invece, coprotagonista con Brad Pitt in “The tree of life”; Octavia Spencer, invece, a prestato il suo talento al servizio di molte serie tv ma non ha mai sfondato, quindi,“The Help”, ha dato una svolta decisiva alla sua carriera e un quasi sicuro oscar.

The help” è un adattamento cinematografico del romanzo scritto da Kathryn Stockett e pubblicato nel 2009, ma ambientato negli anni sessanta in un paesino del Mississippi, Jackson.

 

the help moviethe help 6

Racconta la storia di un’audace giornalista di buona famiglia, che al lavoro al giornale affianca la lavorazione di un libro, che racconta la condizione delle cameriere (sarebbe meglio dire schiave) nere che sono al servizio di giovani ragazze, ricche e viziate, e che lasciano l’educazione dei propri figli nelle mani di quelle domestiche tanto umiliate e discriminate. La giornalista Skeeter (Emma Stone) lavorerà al libro in segreto con l’aiuto iniziale di sole due domestiche, Aibileen Clark (Viola Davis) e Minny (Octavia Spencer), ma dopo lo scetticismo e la paura iniziale anche le altre tante domestiche contribuiranno a raccontare tante storie, a volte strazianti e a volte tenere, che finiranno nel coraggioso libro di Skeeter.

The help” il libro che Skeeter pubblicherà, scuoterà le menti bigotte e razziste di Jackson che inizieranno a riflettere sulla condizione di queste povere donne.

Nella colonna sonora di “The Help” compaiono canzoni di Ray Charles, di Bob Dylan e una canzone (The living Proof) scritta appositamente per questo film da Mary J. Blige.

Bella la ricostruzione dei costumi (alla Brigitte Bardott) e delle ambientazioni che rispecchiano in pieno lo stile dell’America di quegli anni.

E come non parlare del meraviglioso angelo biondo, una bambina che riesce a far intenerire chiunque, anche quelli che hanno un iceberg al posto del cuore.

 

The Help Moviethe help2

The help” è un film davvero carino, e racconta una storia molto attuale, perché certi temi, come la discriminazione razziale, appartengono (purtroppo) a tutte le generazioni.

Ben venga, quindi, se un film riesce a farci pensare a certi atteggiamenti e a certe opinioni che appartengono alla maggior parte di noi.

Quindi belle ragazzuole correte al cinema più vicino a vedere “The help” che non vi deluderà.

 

Carmen Sassanelli

 

 The Help

 

the help poster

 

Genere: commedia drammatica

Data di uscita: 20 gennaio 2012

Durata: 146 min

Interpreti: Viola Davis, Octavia Spencer, Jessica Chastain, Emma Stone,  Bryce Dallas Howard

Regia: Tate Taylor