Lines è: l’assorbente rivoluzionario dal prezzo poco democratico

lines è aLines è, grande novità proposta da Lines nel 2010, è un assorbente davvero rivoluzionario e provandolo se ne ha la certezza.

La novità sta nel materiale scelto, il lactifless, sostanza ipoallergenica e brevettata con l’obiettivo di soddisfare le esigenze di ogni donna. Ma cosa desidera una donna dal proprio assorbente? Naturalmente è fondamentale che riesca ad assorbire anche i flussi più abbondanti, che faccia respirare la pelle, che trattenga gli odori e che segua i movimenti del corpo consentendo gesti in libertà senza troppi crucci.
E dalla pubblicità tutto ciò sembra finalmente concretizzarsi. Ecco ciò che mi ha spinto a provare, ad acquistare questo nuovo prodotto così innovativo e rivoluzionario.

La linea Lines è si compone di tre differenti modelli, creati per abbracciare le esigenze di tutte le donne. Quello Ultra con ali, per un flusso moderato, il modello Ultra Lungo con ali, più adatto per i flussi abbondati e l’Ultra Notte con ali, indicato per la notte e studiato per assorbire i flussi più intensi.

lines

Provando Lines è ci si accorge da subito dell’estremo comfort dato dalla sottigliezza dell’assorbente e dal lactifless, decisamente morbido e anatomico. A consentire movimenti in piena tranquillità sono anche le ali doppie che fermano l’assorbente eliminando ogni sensazione di inadeguatezza. Proseguendo con i pregi, devo dire che il nuovo prodotto della Lines sarà sicuramente apprezzatissimo da chi soffre di allergie e irritazioni perchè non solo sono ipoallergenici, ma anche traspiranti e per nulla “plastici”. Conditio sine qua non nella scelta di un assorbente è l’ assorbenza. Anche in questo aspetto Lines è mi sembra imbattibile, prolungando di parecchio anche la durata.

Dopo i pregi arrivano i “però”, in questo caso uno solo. Ciò che non gioca a favore dei nuovi Lines è il  prezzo, decisamente poco democratico e abbordabile, ben 3,99€ per 10 assorbenti. Un prezzo che in realtà si può ben comprendere vista l’efficacia e l’innovazione, ma che in un periodo di ristrettezze come quello odierno risulta decisamente scomodo.