Il gossip: il figlio dell’estate

GossipSe qualcuno non l’avesse notato è arrivata l’estate. La torrida, afosa, soffocante ma amata Estate. Innalzate le vendite di condizionatori, pinguini, ventilatori e tutto quanto riesca a far dormire gli esseri umani in balia del sudore delle loro ascelle. I fiori del mio “giardino” hanno smesso di richiedere acqua, sono tutti ammosciati e la terra sembra quella del deserto del video delle Spice Girls.

Verso metà Maggio mia madre comincia a lamentarsi e finisce a metà Settembre attorno alla data del suo compleanno. Il motivo, il caldo. “Non sopporto questo caldo, per non parlare delle zanzare” oppure “Non aprire la finestra che entra il caldo“. Quest’anno credo abbia giurato che la prossima estate gestirà un rifugio sul Gran Sasso chiamandolo con fantasia “Stella Alpina”. Intanto in casa il condizionatore segnala 24 gradi e lo sbalzo termico con il mondo esterno è mortale.
Io sono un animale dell’estate, mi piace perchè le giornate sono lunghe, il sole brilla e cuoce e ci si veste con poco. Sono sempre stato meteoropatico e il sole mi condiziona l’umore in tutto e per tutto. Probabilmente perchè sono un Leone e sono nato in pieno Agosto.
L’estate ci rende più superficiali, ci piace andare al mare a mostrare quelle che in città erano chiappe bianche e flacide, ci crogioliamo al sole sperando di notare una doratura brasiliana e stiamo attenti ad essere sempre perfetti nell’abbigliamento per la passeggiata post-gelato sul lungomare. Ci divertiamo, nascono nuovi amori o tradimenti che durano qualche giorno “Tanto è estate” diciamo. Poi puntualmente quella fiamma ce la ritroviamo in città e dobbiamo cambiare marciapiede ogni volta.
L’estate è anche la madre di tutti i Gossips spietati. Fateci caso quando ci si sollazza sotto l’ombrellone, ci si increma e poi dalla borsa di tela a righe bianche e rosse si tira fuori il manuale di vita che tutte le estati leggiamo dalla prima all’ultima pagina: Novella 2000, Chi, Cosmopolitan, Vanity Fair e per le giovanissime Top Girl.
Non c’è niente da fare, ci piace essere informati su tutto quello che riguarda il pettegolezzo più trash, non per mancanza di cervello ma per spegnerlo. D’inverno avvocato divorzista che legge i grandi classici della letteratura? Sotto l’ombrellone fanatica di Elisabetta Canalis e i suoi trucchi per idratare i calli dei piedi. D’inverno maestra elementare? Sul bagnoasciuga con la lingua di fuori per i pettorali di Costantino. Io leggo sempre Vanity, a casa sulla mia poltrona preferita, dalla prima all’ultima riga. In spiaggia mi innervosisco perchè non voglio stropicciare la faccia di Cameron Diaz in copertina ma dopo due minuti è già coperta interamente di sabbia.
Classica scena di una spiaggia attrezzata è la vicina siciliana che oltre alla parmigiana nella borsa tiene il nuovo numero di Novella 2000. Esclusivo: Belen coccola Corona alle Baleari. Sei lì che sbirci e oltre a qualche “romantica” palpatina e un topless non riesci a vedere. Se ne parla ampliamente e ne parte una discussione “Secondo me la Belen non è innamorata e lui sta con la sorella”. A quel punto arriva la signora della decima fila che chiede asilo politico sotto ombrellone per evitare che le prendano fuoco i piedi e dice “Una mia amica conosce la sorella dell’autista di Belen, Corona le ha sbattuto le valigie sul marcipiede, pare si siano lasciati”. E poi scompare sul più bello senza aggiungere altri dettagli.
Andiamo pazzi per queste cose e quando ci pare di aver visto un personaggio “noto” cominciamo a civettare e tirare fuori i videofonini. Non sono mai stato un patito di avvistamenti-vip perchè sui giornali sono sempre bellissimi ma nella realtà li distingueresti da Renatuzzo il pescivendolo della piazza. E mai mi vedrete chiedere autografi al ballerino di Amici o alla corteggiatrice di un tronista.
Accompagnarci ad Alfonso Signorini durante l’estate fa bene, un pò di risate e un pò di pettegolezzi ci fanno essere più leggeri, senza prendere troppo sul serio nessuna di quelle “notizie”. In fondo che Nina Moric abbia le rughe o che Elisabetta Greogoraci abbia una quinta ci interessa relativamente poco. Alterniamo le idiozie delle didascalie delle foto scandalistiche con la lettura di un bel libro, ovviamente per libro non intendo quello di Patrizia D’Addario o Valerio Scanu.
Il libro vi servirà per fare le ragazze di buona famiglia che non si fanno prendere dalla mediocrità del mondo delle veline davanti ad un buon partito. Subito dopo potrete riprendere la lettura dell’oroscopo di Antonio Capitani o la guida “Come conquistare un uomo in dodici passi di danza africana” con la foto di Shakira. Siete arrivate al secondo passo e siete già confuse? Direi che è giunto il momento di mollare Cosmopolitan e di farvi un bagno. L’unica cosa che dovete avere chiare al mare sono le idee ed eventualmente le chiappe.

 

Lorenzo Bises