IED, 4 scuole per 4 mondi creativi. (design)

IEDE’ impossibile non conoscerlo, quando infatti si parla di design, di moda, di visual communication, in Italia il nome che vien fuori è sempre lo stesso, IED.

Tra le quattro differenti aree didattiche che caratterizzano la formazione IED, quella di cui vorrei parlarvi oggi è quella dedicata al Design.

Quale corso scegliere?

I corsi più richiesti e per cui lo IED davvero non  ha rivali sono soprattutto tre: Interior design, Product design e Trasportation design.

Tutti campi che, per qualsiasi persona poco competente a riguardo, potrebbero apparire decisamente simili. Sono di certo affini, ma tra loro sono tante le sfaccettature che rendono queste materie così vicine, ma allo stesso tempo così lontane. Unico denominatore comune è infatti la “matrice design”.

E ciò su cui voglio focalizzare l’attenzione oggi è proprio il design. Un termine, questo, che significa ‘progettazione’, ma che raggruppa al proprio interno moltissimi significati: da quello estetico (pensiamo al design di un oggetto), a quello industriale (il design di un palazzo).

Ciò che propone lo IED Design sono diversi e interessantissimi corsi, adatti a soddisfare le più differenti aspirazioni, ma anche a incanalare e sviluppare le più varie propensioni. Se quindi il vostro sogno è trovare l’arredamento più adatto, o desiderate progettare accessori di moda, o per che no, automobili, questo è il luogo giusto.

Ma non solo. Lo IED propone anche corsi di progettazione di supporti informatici e persino di giocattoli per bambini. Visto l’ampio raggio d’azione, è opportuno quindi restringere il campo parlando dell’ Interior Design.

ied

ied

Il corso per diventare Interior Designer è disponibile in diverse città d’Italia: da Milano a Roma, da Venezia a Torino, e persino a Firenze. Il corso ha una durata di tre anni e la prossima edizione partirà a ottobre 2012.

Dove seguire il corso?

Scegliere la città però non è semplice come sembra. Ogni città è differente e offre di consuenza opportunità diverse. Non a caso infatti a Roma e Milano, dove l’arte, il teatro e la televisone sono di casa, il corso proposto dallo IED focalizza la propria attenzione sulle tecniche di Scenografia degli eventi.

A Milano poi è possibili anche optare per il corso in Light Design, per realizzare progetti finalizzati al design di un corpo illuminante, di una installazione luminosa, sino all’illuminazione di uno showroom, di un museo.

A Firenze, Venezia e Torino invece ci si dedica al classico corso per Interior design. Il corsista infatti studierà per diventare interior designer, disegnatore, progettista CAD di ambienti interni e tecnico della modellazione fisica e virtuale degli spazi.

Fai pratica sul campo

Oltre alla molteplice scelta, un altro punto a favore dello IED è caratterizzato dall’organizzazione dei corsi: workshop e collaborazioni con numerose aziende leader nel settore, daranno infatti la possibilità a ognuno di potersi mettere alla prova, dimostrando sul campo la propria passione.

I corsi sono aperti a laureati e non, in modo da poter dare davvero a tutti la possibilità di realizzare il proprio sogno.