{Nuove Voci Letterarie} Ovunque Sarai

Elisa, dopo la sua avventura nella Roma dei Borgia, ha fatto ritorno nella sua epoca e deve affrontare l’esame di maturità. Non riesce però a dimenticare Cristiano e il pensiero di lui, rimasto al di là del varco nel tempo, la tormenta. Intanto, Cesare medita la sua vendetta. Riuscirà Elisa a ritrovare il suo amore perduto? E il Valentino su chi sfogherà la sua ira? Un`altra entusiasmante avventura fra presente e passato che non deluderà chi già si è lasciato incantare da “Prigioniera del tempo”.

 

 

Ed eccoci qui con l’atteso sequel del time travel “Prigioniera del tempo” di Laura Gay, recensito da Pensorosa quasi un anno fa, oggi parliamo di Ovunque sarai.

Nonostante i tre anni trascorsi alla corte di Borgia quando Elisa torna nella Roma moderna non è passato che qualche minuto, e la sua vita ricomincia normalmente all’apparenza, ma si possono cancellare tre anni di vita? La risposta è ovviamente no, ed Elisa non riesce a togliersi dalla testa l’ultima frase che le ha detto Cristiano “ovunque sarai…io ti amerò”, e su quell’ “ovunque sarai” ricomincia per i protagonisti una nuova avventura, a spasso nel tempo fra il 1500 ed il 2009, ma anche fra Roma, Napoli e la Spagna, in una corsa disperata fino al lieto fine.

L’autrice non smentisce il suo talento e la sua potenzialità, è riuscita a destreggiarsi bene fra i due piani narrativi del 1500 ed il 2009 in un misto di storia e modernità che rende affascinante ogni buon time travel che si rispetti.

Un romanzo piacevole da leggere, dove i protagonisti sono ben dettagliati e caratterizzati, a discapito di qualche altra comparsa più o meno importante, che viene solo accennata. Probabilmente le romanticone come me, avrebbero preferito qualche centinaio di pagine in più per continuare a sognare e palpitare con Elisa, Cristiano e tutto il fascinoso mondo della Roma dei Borgia.

 

 

Bentornata Laura! Ci avevi già anticipato questo sequel, un anno di lavoro più o meno ed eccolo qui in libreria… a “caldo” cosa vuoi raccontarci di questa nuova storia di Elisa e Cristiano?

Diciamo che questo libro è dedicato soprattutto alla storia d’amore di Cristiano ed Elisa che, nel primo romanzo, era rimasta incompiuta. In “Ovunque sarai” i due protagonisti incontreranno numerose difficoltà prima di poter coronare il loro sogno d’amore. Tanto per cominciare Cristiano dovrà attraversare il varco del tempo per ricongiungersi alla sua Elisa e si ritroverà in un’epoca a lui del tutto sconosciuta, nella quale sarà difficile ambientarsi. E poi ci sarà anche Cesare a dargli del filo da torcere. La sua vendetta sarà crudele e andrà a colpire soprattutto i membri della sua famiglia.

 

Sei “colpevole” di avermi contagiato all’amore per la storia, e leggendo il tuo libro non ho potuto far a meno di documentarmi e leggere tutto sui Borgia e la loro corte, fra le leggende il folclore e la storia. Ci avevi già raccontato il perchè della scelta della “roma borgia”, ti va di raccontarci a quale personaggio storico di quel periodo ti senti più legata ed hai voluto meglio descrivere (elogiare, riscattare, etc etc )nel tuo romanzo?

Mi sento legata a Cesare perché credo sia un personaggio che è riuscito a coinvolgere molto i lettori con la sua crudeltà e con le sue debolezze. Ho voluto raffigurare un Cesare un po’ diverso da quello descritto nei libri di storia: un Cesare che non è solo spietato ma ha anche un cuore che batte per la persona amata, pur non essendo ricambiato. Di solito amo i personaggi che possiedono caratteristiche sia positive sia negative. Un altro personaggio storico a cui mi sono affezionata è quello di Lucrezia. Ho voluto rappresentare la figlia del Papa come una vittima delle circostanze e non come una donna malvagia e astuta. Spero che i lettori riescano a commuoversi di fronte al suo dramma di donna e madre.

 

Chiudi gli occhi e quando li riapri non sei più Laura Gay nel 2011 in Italia, ma sei qualcun’altra in un periodo storico diverso ed in chissà quale nazione. Chi saresti? E Perchè?

Mmm, credo che sarei Marie Thérèse Charlotte di Borbone, la figlia di Maria Antonietta e Luigi XVI. Perché questa scelta? Semplice, è la protagonista del romance storico a cui sto lavorando e devo dire che mi sto immedesimando molto in questo personaggio. A volte ho l’impressione di pensare come lei e sentire quello che sente lei. Forse sono stata lei in un’altra vita! 🙂

 

Le 5 cose da portare con te sull’isola deserta sono?

Un libro, un cappellino di paglia, la crema solare, l’ombrellone e il costume da bagno. Sono pronta per la vacanza, quando si parte? 😉

 

Avrò la fortuna di recensire qualche altra tua opera per questa rubrica? Cos’hai in cantiere adesso?

Spero proprio di sì. Attualmente sto lavorando, come dicevo prima, a un romance storico che ha per protagonista Madame Royale. Si tratta di una storia drammatica, ricca di mistero e di romanticismo.

 

Un sogno che vuoi realizzare?

Poter vedere un mio libro pubblicato da una casa editrice importante.

 

 

Grazie ancora a Laura, che speriamo di rivedere presto con il suo prossimo progetto letterario, ricordo ai lettori il blog dell’autrice, dove trovare tutte le informazioni e le curiosità su questo magico mondo e sulla bravissima scrittrice in attesa del suo prossimo libro. 

Flavia Pellegrino