Non giudicare dalle Apparenze!!!

Rifugiandosi nell’East Coast, Cilla McGowan vuole sottrarsi alle mille luci di Hollywood per restaurare la fattoria della nonna, la leggendaria attrice Janet Hardy, morta suicida tanti anni prima in circostanze misteriose. Anche Cilla è stata spinta sul palcoscenico dalle ambizioni della madre, star fallita con cinque matrimoni alle spalle, ed è diventata un’enfant prodige nel mondo dello spettacolo. Adesso, però, ha deciso di cambiare vita e, mentre restaura la casa di famiglia cercando di scacciare i demoni del passato, trova alcune lettere. Scopre così che al momento della morte sua nonna era incinta di un uomo sposato che abitava nei dintorni… Decisa a scoprire la verità, Cilla si mette in un brutto guaio e toccherà a Ford Sawyer, il suo affascinante vicino di casa, proteggerla. Cilla ha paura di innamorarsi di lui e cerca in tutti i modi di resistergli. Ma una svolta fatale è già scritta nel libro del destino.

Ho ricevuto Un dono Prezioso, di Nora Roberts in regalo qualche mese fa. Non gli ho prestato un granché di attenzione e l’ho abbandonato su uno dei tanti scaffali della mia libreria riservati ai libri da leggere. Ne ho così tanti, che, sinceramente, l’avevo mentalmente relegato fra gli ultimi posti, ed invece questo romanzo si sparire dalla circolazione ed attendere pazientemente il suo turno, non ne aveva davvero voglia, tanto che per i “consigli di lettura” di maggio, nel gruppo di discussione PENSOROSA sul social network letterario www.anobii.it , una ragazza me l’ha consigliato. Non l’aveva letto neanche lei, ma conosceva l’autrice ed il suo stile.

Ho dissepolto il libro, l’ho poggiato sulla scrivania, ho iniziato a leggiucchiare le prime pagine, e poi con l’inaugurazione della rubrica {Nuove Voci Letterarie} nel sito, e l’arrivo a casa di numerosi romanzi che esigevano di essere letti e recensiti in breve tempo, l’ho accantonato nuovamente.

Infondo ero impegnata con altri romanzi, il tempo è sempre tiranno per quanto riguarda la lettura, e questo romanzo proprio non mi ispirava. Ad essere sincera non avevo neanche letto la quarta di copertina o mi ero informata, semplicemente non mi ispirava la copertina adottata dall’edizione MONDOLIBRI, e si sa che anche l’occhio vuole la sua parte ed in base a questo parametro prettamente “esteriore”, Un Dono prezioso prometteva malissimo.

Poi, alla fine, dopo lunghe diatribe interiori, l’ho finalmente riaperto ed il romanzo che temevo faticasse a decollare è invece partito come un razzo, travolgendomi in una lettura frenetica fino all’ultima pagina.

E’ impossibile non appassionarsi alla vita di Cilla, non tifare per lei, ed esserle accanto proprio come il simpaticissimo cane Spock, e l’affascinante, forse troppo equilibrato, Ford.

E’ talmente tanto intrigante e coinvolgente, che dovendo andare in macchina per fare da “tassista” nel pieno centro cittadino ad amici e parenti, ne ho approfittato per portarmi dietro il romanzo, ed ogni rosso che scattava al semaforo era qualche riga in più trangugiata di fretta, come un assetato che non riesce a far a meno di bere, anche se può stillare solo piccole gocce, una alla volta, lentamente, fino a quando non avrà dissetato il proprio bisogno.

Questo è stato per me Un Dono Prezioso, un romanzo divorato in poco meno di due giorni, un romanzo che mi ha assillato e coinvolto emotivamente anche quando non era fra le mie mani, un romanzo che ha monopolizzato la mia mente ed il mio pensiero razionale fino all’ultima pagina. Questo è per me un Romanzo con la R maiuscola, uno di quelli che ti rimangono dentro, uno di quelli che guardandone anche solo il bordo della copertina ti riportano alla mente tutte le sensazioni e le emozioni provate durante la lettura.

Un dono prezioso è certamente un romanzo degno di essere letto ed assaporato. L’estate si avvicina, ben presto arriverà il momento di sfoggiare il bikini e crogiolarsi al sole, quest’anno oltre a tutto l’armamentario per la tintarella, portate con voi questo romanzo, non ve ne pentirete!

 

 

Flavia Pellegrino