Valeria Golino da Pretty Woman al festival di Venezia 2015

Valeria_Golino_filmografiaValeria Golino, attrice italiana nota al grande pubblico per i numerosi ruoli interpretati nel nostro cinema d’autore, nonché per la decennale storia d’amore con il giovane Scamarcio-Step.

Tuttavia la Golino è tra le attrici italiane più conosciute anche livello internazionale.

RainMan_valeria-golino

In molti la ricorderanno in Rain Man a fianco di Dustin Hoffman e di un giovane Tom Cruise, o in Via da Las Vegas accanto a Nicolas Cage o ancora, in uno degli episodi di Four Rooms di Tarantino.

valeria-golino-Four-Rooms

Valeria Golino da Pretty Woman al festival di Venezia 2015

In pochi sanno che nel 1990 le venne soffiato il ruolo di Vivian in Pretty woman da un’allora sconosciuta Julia Roberts.

Sfortuna o provvidenza?

Certo tutte noi abbiamo amato il film con la Roberts, e la Golino poteva essere una “Vivian” ancora più perfetta, ma cosa sarebbe stato il cinema italiano senza di lei?

Pellicole d’autore come Le acrobate (1997), Respiro (2002), La guerra di Mario (2005), La kryptonite nella borsa (2011), Il capitale umano (2014) avrebbero avuto lo stesso richiamo e le stesse premiazioni?!

capitale-umano-virzi-valeria-golino

Giulia non esce la sera (2009) avrebbe avuto lo stesso sapore agro-dolce senza la sua interpretazione?!

E Sergio Rubini ne L’uomo nero (2009) sarebbe stato amato e compreso da una moglie altrettanto convincente come la Golino?!

L’uomo-nero-valeria-golino

Valeria è una delle attrici italiane più versatili nel panorama del cinema contemporaneo, in grado di catalizzare l’attenzione dello spettatore e regalare al film una dimensione più profonda e sentita.

Le donne interpretate dalla Golino sullo schermo, non sono particolarmente belle, non sono dei sex-simbol, non sono molto fortunate, sono donne normali, donne con una storia da raccontare attraverso la sua voce roca e vibrante.

Valeria riesce a plasmare ed amalgamare il personaggio che interpreta secondo le esigenze della sceneggiatura, ma allo stesso tempo riesce a renderlo unico e indimenticabile, anche quando la protagonista della storia non è lei, come la mamma poliziotta ne Il ragazzo invisibile (2014) o la siura perbenista ne La ragazza del lago (2007).

Il-ragazzo-invisibile-valeria-golino

Ma Valeria è anche una stratega coraggiosa, che nella follia di buttarsi in pellicole non adatte al grande pubblico, in video dalle tinte forti come quello per Greenpeace e di dirigere un film sul delicato tema del suicidio volontario in Miele (2013), ha conquistato numerosi premi, che l’hanno portata comunque ad essere conosciuta e apprezzata dalle grandi platee.

miele-valeria-golino

Uno sliding doors quello di Pretty woman quindi, che ha regalato al nostro cinema italiano un’icona del futuro, una Magnani contemporanea, dalla voce inimitabile e gli occhi azzurro mare.

Per-amor-vostro-valeria-golino

Vincitrice di molti riconoscimenti nel mondo cinematografico durante la sua carriera, la Golino ha confermato ancora una volta la sua bravura al festival di Venezia 2015 con l’interpretazione del film Per amor vostro per cui ha vinto la sua seconda Coppa Volpi (la prima nel 1998 per Una storia d’amore) e questa volta oltre che per la bravura, la Coppa l’avrebbe meritata per l’audacia di camminare su un tappeto rosso con un abito color marsala (magnifico nel modello di Prada), e per il coraggio, da quasi cinquantenne, di non domare nemmeno uno dei suoi riccioli ribelli.

Anita Mitola