Dieta Plank: mantenimento

mantenimento dopo dieta plankLa dieta plank seguita da molte persone, può essere considerata una dieta d’urto, capace di far perdere peso velocemente in poche settimane.

Questa prevede l’abolizione quasi completa di carboidrati come pane e pasta, limitato consumo di frutta ad una sola porzione alla settimana e abolizione completa di zuccheri semplici come saccarosio, e dolcificanti.

mantenimento-dieta-plank

Trattasi quindi di una iperproteica come lo è la dieta Dukan e va a risvegliare il metabolismo, proprio perchè è ipocalorica quindi l’organismo deve attingere alle proprie riserve, perchè per assimilare le proteine, l’uomo impiega piu’ calorie.

Attenzione però, in quanto le proteine a lungo andare potrebbero dare problemi renali, in quanto il surplus di proteine, viene smaltito dai reni, quindi questo regime alimentare può essere d’aiuto per un periodo breve di circa 15 gg e aiutandosi con molta acqua che stimola la diuresi.

Mantenere i risultati dopo la Dieta Plank

Una volta persi dei chili di troppo, il problema è il mantenimento dopo la dieta Plank dei risultati e qui molta gente non sa come comportarsi.mantenimento dieta plank

Il regime stretto seguito durante la Dieta proteica Plank, potrebbe indurre il soggetto a reintrodurre tutti i principi alimentari in maniera esagerata nelle quantità creando anche squilibri ormonali momentanei. Ricordiamo che dietro l’assunzione di ogni singolo alimento, vi è la produzione di enzimi, ormoni e tutto ciò crea un equilibrio o squilibrio dell’organismo.

Io personalmente da nutrizionista , non ho mai consigliato una dieta del genere, ma uso il protocollo iperproteico con la copresenza di carboidrati e grassi anche se in maniera ridotta.

Tornando ad un regime di mantenimento post plank, consiglio di introdurre piccole porzioni di carboidrati dapprima pasta o pane giornalmente, poi dopo qualche giorno si può tornare ad inserire la frutta.

I grassi li consiglio da subito anche se in quantità ridotta e mi riferisco al solo olio d’oliva extravergine e tenderei a ridurre la quantità proteiche, lasciando comunque i secondi piatti due volte al giorno. Per essere più chiari vi consiglio un modello di dieta di mantenimento post dieta plank.

Dott.ssa Teresa Loiacono

Biologa Nutrizionista

Dieta Plank: Mantenimento

dieta plank mantenimento

Prima Fase: reintegramento

  • Colazione: con latte magro e qualche fetta biscottata
  • Metà mattina: ortaggi come finocchi, cetrioli
  • pranzo: un piccolo piatto di pasta circa 50 g. o 60 g. di pane, una porzione di verdura cruda e carne bianca o rossa nella quantità di 100 g. alternando con il pesce 250 g.
  • merenda: a base di verdura
  • cena: verdura cotta o cruda, una fettina di pane da 25 g. una porzione di formaggio fresco 70 g. oppure 60 g. di prosciutto o 2 uova . condimento da usare 2 cucchiai di olio

Seconda Fase: Mantenimento:

Dopo aver fatto queste integrazione per 3 / 4 giorni, passare a regime normo calorico.

  • Colazione: 30 g. se donne, 50 g. se uomini di biscotti secchi, cereali fette biscottate più latte magro e caffè, o the.
  • Spuntino mattutino: una porzione di frutta
  • Pranzo: 70/ 80 g. di pasta se donne o 100/120 g. di pasta se uomini, verdura a volontà, una porzione normale di carne o pesce e 1 frutto
  • Merenda: una porzione di frutta
  • Cena: verdura una porzione da 80/ 100 g. di pane a seconda del sesso e un secondo come mozzarella, o prosciutto o uova o pizza ( questa max due volte a settimana) e un frutto.
  • Condimenti: il quantitativo di olio può aumentare gradualmente fino a 30/40 g. di olio. Non esagerare con maionese, burro o con alcool ( birra, vino, cocktail)

Una volta tornati a regime normo calorico, ci potremo concedere la frittura anche una volta alla settimana, ma fatta sempre con olio extra vergine d’oliva e comunque potremo consumare alimenti come rustici, pizzette una volta alla settimana, riducendo i carboidrati del pasto immediatamente precedente o seguente.