Caffè verde per dimagrire in modo naturale

caffè verde per dimagrireQuante di voi vorrebbero perdere peso in modo sicuro e semplice, evitando di iniziare una dieta ferrea? Avete mai pensato di sostituire il solito caffè giornaliero con il caffè verde?

E’ arrivato il momento di provare questo prodotto che risulta essere un integratore naturale con proprietà brucia grassi.

Il caffè verde crudo contiene meno caffeina rispetto al caffè tostato e la forma chimica ne riduce i tempi di assorbimento, ciò significa che, contrariamente al caffè torrefatto consente un ingresso in circolo più moderato della caffeina e quindi risulta più indicato nella dieta dei soggetti iper- sensibili alla caffeina che, se introdotta con la bevanda tradizionale, spesso determina effetti collaterali tipo: iper- attivazione nervosa, tachicardia, insonnia, dissenteria ecc.

dieta-perdere-peso-con-caffe-verde

Come dimagrire con il caffè verde

La chiave per dimagrire con il caffè verde non è nella caffeina, ma nell’acido clorogenico. L’acido clorogenico è una sostanza in grado di perdere peso grazie alle sue molteplici proprietà perché è in grado di:
– ridurre l’assorbimento di zuccheri da parte dell’intestino
– aiuta a velocizzare il metabolismo
– accelera la percentuale di grassi bruciati
–  inibisce il rilascio di glucosio
– permette di aumentare il metabolismo dei grassi nel fegato
Per far sì che questo processo di facilitazione dello smaltimento del nostro grasso corporeo abbia effetto, è naturalmente necessario associarlo ad un consumo non elevato di calorie e, soprattutto, ad una dieta equilibrata.

Inoltre ci sono altri benefici legati all’assunzione del caffè crudo come il ricco contenuto di omega3 e omega 6, è un buon alleato contro stress e disturbi psichici e rinforza i tessuti connettivi ed è benefico per pelle e capelli, svolge azione antiossidante e antinfiammatoria.

È possibile reperire confezioni di caffè verde solubile, concentrato in pillole o in bustine per infusi anche nei supermercati, parafarmacie e farmacie.

È sconsigliato per le donne in stato di gravidanza o allattamento.

Miriam Maggi